Login IT | EN  
Museo della Carta e della Filigrana: logo
spacer
  Home Mappa del sito Scrivici link Eventi Area riservata
spacer
spacer
Le Attivitΰ
•  La stampa chimica e la fisica del suono
•  I corsi didattici
•  Paper, Print and Book Intensive 2017
La Carta
•  Carta e cartiere
•  La carta a mano
•  La Filigrana
•  Le materie prime
La storia della Carta
•  Il viaggio della Carta
•  La signoria dei Chiavelli
•  La rinascita del '700
•  I Miliani e la carta
•  Dal dopoguerra ad oggi
La Gualchiera
•  La scelta degli stracci
•  La pila a magli
•  La produzione della carta al tino
•  La Collatura
La Stampa
Fabriano Watercolour 2016
spacer
 le materie collanti
Le materie collantiLe materie collanti vengono impiegate nella fabbricazione della carta per impermeabilizzare le fibre cellulosiche in tutti quei casi incui la carta ottenuta è destinata a ricevere gli inchiostri: da scrivere, da stampa, da disegno. Il trattamento di impermeabilizzazione o collatura può avvenire in due momenti diversi della lavorazione: prima della formazione del foglio per aggiunta di soluzioni colloidali di resina naturale (colofonia o pece greca) alla massa fibrosa, oppure per immersione del nastro di carta già formato in una soluzione di gelatina animale. Quest'ultimo trattamento è ormai riservato alla fabbricazione di carte speciali quali carte valori o disegno artistico e professionale. Pertanto le materie collanti possono essre classificate come segue:
a) per collatura in pasta: saponi di resina; sospensioni colloidali di resina libera;
b) per collatura in superficie: soluzioni di gelatina animale.
Il trattamento di collatura in pasta consiste nell'aggiungere alla massa fibrosa già raffinata, prima di essere inviata alla macchina continua in piano o in tondo, opportuna quantità di collante a seconda del grado di collatura desiderato. ad avvenuta mescolazione, che richiede qualche minuto, si aggiunge alla massa corrispondente quantità di solfato di alluminio in soluzione acquosa, il quale, portando l'ambiente in campo acido, fa avvenire la deposizione delle particelle colloidali di colofonia o resina attorno alle singole fibre rendendole impermeabili all'acqua. Sono da includere nel gruppo delle materie collanti anche i collanti sintetici o resine sintetiche, il cui uso è iniziato dopo l'ultimo conflitto mondiale. Caso particolare di impiego delle resine sintetiche per la resistenza ad umido della carta è quello dei contenitori da immergere in liquidi freddi ed anche caldi: ad esempio sacchetti contenenti thè, camomilla ed altre erbe per bevande e per medicinali. Ormai quasi tutte le carte per banconote, specialmente quelle destinate per paesi avente clima tropicale, viene adottato il trattamento di resistenza ad umido con impiego di resine ureiche e melamminiche.

spacer
built with Fastportal3 by FASTNET S.p.A.